Stage pediatrici, ostetrici e radiologici in Senegal 2017

Da Gennaio stage e tante esperienze in Casamance per i medici pavesi

Quest’anno da Gennaio ad oggi (Maggio) abbiamo favorito e accompagnato le esperienze di stage in Senegal, presso l’Ospedale Regionale di Ziguinchor e presso i presidi sanitari rurali del Kalounayes di alcuni medici pavesi.

Tra Gennaio e Marzo l’esperienza di Michela Caironi, Edoardo Clerici, specializzandi in pediatria  ed Antonia Tomasoni , studentessa in medicina al sesto anno di studio.

Da Marzo a Maggio (rientreranno tra pochi giorni) hanno fatto questa esperienza anche Lucia Schena, Antonio Vergori, specializzandi anche loro in pediatria e Valentina Marazzi, ostetrica.

Tutti e due i gruppi hanno vissuto due mesi a Ziguinchor, si sono ben integrati nella realtà locale .

E naturalmente  hanno portato avanti quelle che sono le attività che tradizionalmente i volontari che CPAS invia fanno: le attività di stage formativo vero e proprio presso l’Ospedale Regionale presso i rispettivi reparti, le giornate medicali al villaggio nel Kalounayes, l’attività di animazione e di controllo medico con i bambini curati dall’associazione FAP e tante altre attività.

Attendiamo da tutti loro un report che pubblicheremo su questo sito. 
Inoltre per tutto il mese di Marzo, sono state in Casamance anche due tecniche di radiologia, Alice Scala e Silvia Fruttero che al termine della loro esperienza stanno preparando la propria tesi proprio attraverso i dati raccolti nel reparto di Radiologia che hanno frequentato durante la permanenza a Ziguinchor.

Inoltre questi otto ragazzi hanno partecipato a due missioni della piroga medicale in Febbraio e in Maggio. 

Hanno quindi avuto modo di visitare tutta la regione Casamance e di conoscere famiglie, storie, persone e tradizioni che speriamo vogliano valorizzare anche una volta tornati in Italia. 

Per CPAS i volontari e gli studenti che partono e tornano sono una grande ricchezza perché danno
 continuità ad una relazione tra persone e territori nata ormai oltre trent’anni fa.

 

Condividi la pagina con:
Share