creazione ed al rafforzamento di professionalità in campo agricolo nella comunità rurale di Coubalan

Sostegno alla creazione ed al rafforzamento di professionalità in campo agricolo nella comunità rurale di Coubalan in Casamance – Senegal

Motivazione ed oggetto dell’intervento

Il Progetto si configura come componente di una strategia di intervento ampia ed articolata che il Comune di Asti con i suoi partner italiani e senegalesi (CPAS, AISAP, Comunità Rurale di Coubalan), stanno attuando, nella regione di Ziguinchor.
Da parte del Comune di Asti, nel corso degli ultimi due anni, c’è stato un grande impegno (in particolare assunto dall’Ufficio per la Promozione del Territorio) nell’organizzare iniziative sul territorio di Asti che miravano da una parte alla raccolta fondi in appoggio alla Comunità Rurale di Coubalan in collaborazione con CPAS (Comitato Pavia Asti Senegal), dall’altra parte all’approfondimento delle tematiche della cooperazione decentrata e alla disseminazione di queste tematiche sul territorio, in collaborazione con CPAS e con AISAP (Associazione Immigrati Senegalesi di Asti e Provincia).

Tra le iniziative:
Aprile 2005 Asta benefica del Barbera durante la Fiera di Asti
Maggio 2005 Sala Consigliare di Palazzo Civico Sovranità Alimentare
Dicembre 2005 Strenna dell’Amicizia 2005
Aprile 2006 Presenza del Comune di Asti attraverso un proprio delegato, nel viaggio missione organizzato da CPAS nella Comunità Rurale di Coubalan
Aprile 2006: un momento di incontro tra componenti di KDES e della delegazione astigiana
Ottobre 2006 Visita del direttore del Ministero della Famiglia, della Donna e dello Sviluppo Sociale, Babacar Ciss, che ha potuto visitare il nuovo ospedale di Asti ed è stato ricevuto dal presidente del Consiglio Comunale di Asti
Ottobre 2006 Il Comune di Asti ha organizzato la accoglienza ed i trasporti per oltre 150 contadini provenienti da tutto il mondo all’interno della rassegna Terra Madre, organizzata da Slow Food.
Parte consistente degli ospiti stranieri erano senegalesi e tra i partner nella gestione dell’evento (in termini di ospitalità, mediazione culturale e interpretariato) vi sono stati Coldiretti Asti, AISAP e CPAS

3
Tale quadro è un ampliamento ed un arricchimento ad un rapporto, sviluppatosi negli ultimi 20 anni tra i due territori, anche grazie agli immigrati senegalesi residenti nella provincia di Asti ed all’associazione Comitato Pavia Asti Senegal.
Per quanto concerne il settore agricolo il Comune di Asti ha supportato l’opera del Comitato Pavia- Asti-Senegal che con il supporto di altre Ong, Parrocchie, Scuole, Enti ed Associazioni ( sia italiane che senegalesi ) ha investito in circa 20 anni di attività di cooperazione decentrata, gran parte delle sue energie : costruzione della diga anti-sale a Koubanao ; formazione operatori ; fornitura attrezzature agricole; sistemi irrigui ; programmi per il micro-credito ;sostegno alla crescita di cooperative locali ; appoggio alla commercializzazione dei prodotti ; sostegno al lavoro femminile ; ecc.) .
Tali interventi di sviluppo agricolo e di lotta alla povertà si sono poi inoltre coniugati con numerose iniziative anche a sostegno dello sviluppo in campo educativo e formativo (costruzione di scuole, biblioteche, fornitura di materiale didattico, scambio culturale e gemellaggio tra scuole pavesi e casamancesi; produzione di materiale multiculturale; valorizzazione delle tradizioni locali; ospitalità presso Centri di Formazione professionali) Il presente progetto si configura come la prosecuzione della missione dell’Aprile 2006 che ha visto il delegato del Comune di Asti approfondire le tematiche tecniche e politiche con i responsabili tecnici e politici della CR di Coubalan e del Consiglio Regionale di Ziguinchor. Sulla base delle informazioni raccolte, è stato orientato il presente progetto, che, nella parte riguardante l’acquisto di attrezzature – (è in via di acquisizione un trattore Farmtrac 80 4wd per un totale di € 11.200) –
è già in atto.
L’intervento qui illustrato rappresenta la naturale evoluzione di un percorso di cooperazione consolidatosi nel tempo, un nuovo capitolo di una storia di amicizia e vicinanza che ha saputo accompagnare lo sviluppo della Casamance in questi decenni, attraversando anche i difficili e momenti della “guerriglia separatista” che ha colpito la regione.

Obiettivi del progetto

Su precisa indicazione dei nostri partner senegalesi ( istituzionali, imprenditoriali e delle comunità di base ) affinché le potenzialità della zona possano effettivamente realizzarsi occorre dare vita ad un organico e strutturato piano di “formazione tecnico-professionale” in grado di dare vita ad un equipe adeguata e capace di formatori ; accrescere e/o sviluppare le competenze di base degli attuali operatori del settore ; integrare in modo sinergico gli interventi di appoggio ed di expertise
dei partner astigiani e gli interventi dei partner locali.
Attraverso la formazione ed il rafforzamento delle professionalità legate all’ambito agricolo, stimolare la nascita di imprese, cooperative, gruppi organizzati che contribuiscano alla crescita
economica a medio-lungo termine e al raggiungimento della autonomia alimentare delle popolazioni della CR di Coubalan attraverso il rafforzamento della gestione di prossimità dei problemi locali e la partecipazione attiva degli eletti e della società civile alla loro risoluzione, in un contesto di cooperazione decentrata con il comune piemontese di Asti e le organizzazioni ad esso collegate.

IN SENEGAL

Rafforzare le capacità e le competenze dei responsabili delle Cooperative Rurali, dei Gruppi di Interesse Economico (GIE) e dei rappresentanti degli organismi comunitari rurali della CR di Coubalan nella gestione territoriale e agronomica, in materia di meccanica e manutenzione, in risicoltura, nel miglioramento delle tecniche colturali, nell’utilizzo della brillatrice, nei lavori idraulico-agrari, nell’orticoltura e riguardo i metodi di irrigazione orticola, nella trasformazione della frutta con formazioni sul campo attuate sia attraverso formatori locali sia attraverso lo sviluppo di
relazioni di partnership con omologhi piemontesi

4
Dotare la Comunità Rurale di strumenti meccanizzati utili al raggiungimento di una maggiore produttività e di una ottimizzazione del lavoro e delle risorse.
Migliorare il livello di protezione antisalina e aumentare le rese produttive valorizzando le tecniche tradizionali contadine in sinergia con l’introduzione di nuovi materiali agricoli adatti

IN ITALIA
Approfondire la conoscenza della realtà senegalese da parte dell’amministrazione pubblica e della popolazione del Comune di Asti, per una migliore integrazione degli immigrati senegalesi nel territorio astigiano e l’avvio di relazioni di scambio culturale, anche attraverso la conoscenza sul territorio piemontese le produzioni della Regione di Ziguinchor, cercando di instaurare relazioni virtuose tra la Comunità Rurale di Coubalan, le sue entità produttive e gli omologhi astigiani e piemontesi.
Gli obiettivi prefissati sono il rafforzamento delle professionalità nel campo agricolo, l’introduzione di adeguati macchinari per garantire a medio termine il raggiungimento della autosufficienza alimentare delle popolazioni della CR di Coubalan, il rafforzamento della gestione di prossimità dei problemi locali e la partecipazione attiva degli eletti e della società civile alla loro risoluzione, in un contesto di scambio esperienze e cooperazione decentrata con il comune piemontese di Asti e le organizzazioni ad esso collegate, soprattutto organizzazioni che possano valorizzare nel progetto il
valore aggiunto della loro esperienza professionale in campo agricolo.
Per inquadrare, ideare, gestire e svolgere i corsi di formazione in ambito agricolo si è formata una rete di attori che si avvale dell’esperienza e della professionalità di Federazione Provinciale Coldiretti Asti, Associazione Trebbiatori ed Imprese Meccanizzate di Asti e Camera di Commercio, Industria Agricoltura e Artigianato di Asti, che, attraverso l’opera di mediazione del Comune di Asti, dell’associazione CPAS e del GIE KDES, opereranno in sinergia con la rete di attori individuata in Senegal composta dagli enti locali (Regione di Ziguinchor, Comunità Rurale di Coubalan e Camera di Commercio di Ziguinchor) e dalle realtà agricole presenti nei villaggi che verranno coinvolte attraverso la mobilitazione di questi, come il centro di formazione di orticoltura di Coubanao, i comitati di gestione dei perimetri agricoli in altri villaggi del Kalounayes e
le famiglie di risicoltori.
Sul territorio astigiano questo progetto potenziera’ gli scambi di corrispondenza e creazione di gemellaggi tra le scuole in loco e quelle piemontesi coinvolgendo le fattorie didattiche di Coldiretti come contesti adatti per divulgare l’attività svolta ed approfondire le tematiche di cooperazione.

Condividi la pagina con:
Share